Educazione finanziaria

Mettersi in proprio, corso di formazione per aspiranti imprenditori organizzato da Camera di Commercio e Rotary

Mettersi in proprio, corso di formazione per aspiranti imprenditori organizzato da Camera di Commercio e Rotary

“Cultura di impresa e auto imprenditorialità”

Al via il corso di formazione
per aspiranti imprenditori organizzato
da Camera di Commercio e Rotary Club La Spezia

Che cos’è

Camera di Commercio Riviere di Liguria in collaborazione con il Rotary Club La Spezia, organizza nei mesi di maggio e giugno un corso di formazione dal titolo “Cultura di impresa e auto imprenditorialità”. Il corso si terrà nella sede della Camera di Commercio della Spezia e si tratta di un’attività pilota-sperimentale in materia di formazione specialistica per l’avvio di impresa.

In cattedra ci saranno professionisti, manager, imprenditori, economisti che spiegheranno, in modo concreto e contestualizzato al territorio spezzino, tutti gli elementi da considerare nel momento in cui si decide di avviare un’attività in proprio. Testimonianze di casi aziendali arricchiranno le lezioni.

Obiettivi didattici

L’intento del percorso formativo è quello di fornire ai partecipanti una comprensione delle opportunità e delle problematiche connesse all’auto-imprenditorialità e alla gestione d’impresa mediante l’ampliamento e l’arricchimento di conoscenze e competenze di tipo manageriale per l’implementazione e la gestione di un business.

L’intervento formativo è rivolto ad un gruppo di aspiranti imprenditori che intendono migliorare la messa “a fuoco” della propria idea imprenditoriale.

L’azione formativa intende mettere a disposizione dei destinatari conoscenze, metodologie e modelli decisionali volti a consentire al singolo partecipante una accurata definizione della propria strategia di business, inquadrando le principali criticità ed opportunità di sviluppo. Inoltre, i destinatari potranno acquisire alcuni strumenti ed indicazioni utili per l’implementazione e la gestione della nuova impresa come comprendere il ruolo d’imprenditore, individuare i fattori chiave per la definizione di un business, conoscere le principali caratteristiche e le modalità di funzionamento del sistema azienda, definire un percorso per l’avvio e lo sviluppo del business, impostare e redigere il “business plan” della “Newco”, verificandone la fattibilità.

Metodologia

Per la realizzazione dei singoli moduli, in considerazione sia delle tematiche trattate che della tipologia dei partecipanti, si utilizzerà la metodologia formativa cosiddetta “esperienziale” che prevede il coinvolgimento attivo dei partecipanti mediante l’utilizzo in forma integrata di lezioni frontali in aula con ampio utilizzo di casi aziendali e simulazioni e di testimonianze di manager, imprenditori, professionisti in grado di fornire un focus su esperienze reali della vita d’impresa.

Articolazione del Corso

Il corso, della durata di 24 ore, si articolerà in lezioni da 2 ore (dalle ore 17,30 alle ore 19,30) che si terranno con cadenza bisettimanale nel periodo di maggio - giugno.

I moduli tematici approfonditi saranno i seguenti:

1. Assetto giuridico – 6 ore

Esame delle possibili forme giuridiche d’impresa sia individuali che collettive, evidenziandone le principali caratteristiche e la loro attinenza alle varie tipologie di business. Indicazioni sui vari adempimenti amministrativi che occorre effettuare per la costituzione dell’impresa e sui relativi costi.

2. Mercato e strategie di marketing – 4 ore

Analisi dei principi sui quali si può basare un’analisi di mercato con particolare riferimento all’individuazione dei potenziali clienti, delle strategie commerciali e promozionali, dei concorrenti. Indicazioni sulle tecniche da utilizzare per la stima delle vendite e dei costi ad essi correlati.

3. Organizzazione del lavoro – 4 ore

Principi e strumenti per l’organizzazione delle micro-piccole imprese con particolare riferimento alla distribuzione dei compiti e delle responsabilità nonché sulla scelta dei beni strumentali.

4. Aspetti economico-finanziari – 4 ore

Principi e strumenti per la predisposizione del budget di una nuova impresa ed analisi delle principali criticità riscontrabili sotto l’aspetto economico e finanziario nella fase di start-up.

5.Business plan – 6 ore

Obiettivi e contenuti del business plan e analisi del processo di realizzazione mediante la presentazione di un case study.

Modalità di iscrizione

Per chi fosse interessato ad iscriversi è possibile farlo compilando il seguente form: LINK DEL FORM MODULI GOOGLE (link esterno)

Per chi fosse interessato alla partecipazione a singoli moduli, è possibile indicarlo nel form di iscrizione.

Si segnala che la partecipazione è soggetta a conferma da parte della segreteria organizzativa. Il criterio applicato di accettazione sarà, in base alla disponibilità dei posti, l'ordine cronologico e la tipologia di iscrizione (sarà assegnata la priorità alle iscrizioni relative all'intero Corso di 24 h).

Si comunica, infine, che verrà rilasciato l'attestato di partecipazione al corso a chi avrà partecipato almeno all'80% delle ore di lezione programmate.

Ultima modifica
Mar 16 Apr, 2024

Campionati Imprenditorialità JA Italia: una scuola di Taranto alla fase di selezione

Presentato oggi nella Camera di commercio di Brindisi - Taranto il progetto realizzato e curato dagli studenti di una classe dell'Ist. Pitagora di Taranto che parteciperà alle selezioni dei team finalisti dei Campionati di imprenditorialità JA Italia, con l'obiettivo di qualificarsi per la competizione nazionale di fine maggio.

La IV A (SIA) dell'Istituto Tecnico Economico Statale "Pitagora" di
Taranto, coordinata dalla prof.ssa Farina e con il supporto dell'esperto dott. Fanelli, dopo un lungo percorso preparatorio anche sostenuto da Zurich, ha avviato la mini-impresa BS2 impresa JA, ideando l'innovativa Polizza Be Social, BE Safe.
Oggi, i giovani imprenditori hanno incontrato il Presidente della Camera di commercio di Brindisi - Taranto, Vincenzo Cesareo, il Segretario generale f.f. e Conservatore del Registro Imprese, Claudia Sanesi, il Responsabile Registro Imprese, Alcide Bruschi e le responsabili dell'Ufficio SNI e Orientamento dell'Ente - sede di Taranto, Francesca Sanesi e Barbara Saltalamacchia, per presentare il progetto che parteciperà alle selezioni dei team finalisti dei Campionati di imprenditorialità JA Italia, con l'obiettivo di qualificarsi per la competizione nazionale di fine maggio.
«Queste esperienze sono altamente formative per questi giovani che si mettono in gioco per la competizione ma, principalmente, anche attraverso l'iscrizione di B2S nel registro delle mini - imprese di JA, si preparano alle sfide, sempre più complesse, del mercato del lavoro - hanno detto agli studenti il Presidente ed il Segretario generale. Oggi ci teniamo a sottolineare la vicinanza dell'Ente che seguirà i diversi eventi, augurando il massimo successo».

Per maggiori informazioni, rivolgersi allo Sportello SNI - Orientamento della Camera di commercio di Brindisi - Taranto:

Responsabile SNI Orientamento Taranto

dr.ssa Barbara Saltalamacchia

mail:barbara.saltalamacchia@brta.camcom.it

Tel. 099 7783030

Orari per il pubblico:

dal lunedì al venerdì ore 8.30 - 13.30

solo martedì e giovedì: ore 15-17.30

Gli appuntamenti sono gestiti previo contatto telefonico/mail.
 

Ultima modifica
Lun 15 Apr, 2024

FESTIVAL DEL SUD – VALENTIA IN FESTA

Una tre giorni presso la sede di Vibo Valentia della CCIAA di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia

Tre giorni dedicati ai temi dello sviluppo economico e sociale, della cultura, dell’educazione finanziaria. 

Programma completo in allegato.

Ultima modifica
Mer 17 Apr, 2024

Business Plan essenziale: la via agile al successo

A cosa serve un Business Plan, come si scrive e come strutturarlo a seconda delle necessità aziendali.

In un mondo imprenditoriale in costante evoluzione, il business plan si afferma come la bussola indispensabile per ogni navigatore del mercato. Ma cos’è esattamente un business plan e come può essere reso “lean” per adattarsi alle esigenze di agilità delle startup e delle imprese moderne?

 

Cos’è un Business Plan?

Un business plan è un documento strategico che funge da guida per la pianificazione e la gestione aziendale. È una presentazione dettagliata dell’idea imprenditoriale, che include obiettivi, strategie, analisi di mercato e proiezioni finanziarie. Serve a convincere potenziali investitori della validità e della redditività del progetto.

Come si scrive un Business Plan: ampliamento e rielaborazione

La stesura di un business plan è un processo che richiede precisione e attenzione ai dettagli. È uno strumento fondamentale sia per la guida interna del management sia come presentazione esterna verso gli stakeholder, in particolare gli operatori finanziari.

Parte descrittiva

La parte descrittiva del business plan è il cuore della strategia aziendale. Qui si definiscono i mercati di riferimento e il settore di operatività, si delineano gli obiettivi e si presenta il piano operativo. Questa sezione deve spiegare in modo chiaro la mission dell’azienda, la visione per il futuro e la proposta di valore che distingue l’offerta sul mercato. È essenziale includere un’analisi approfondita del contesto normativo, contabile e fiscale, nonché della struttura del mercato e della concorrenza. Inoltre, è importante descrivere gli aspetti organizzativi interni e la struttura societaria.

Parte economico-finanziaria

La parte economico-finanziaria valuta la sostenibilità e la redditività del progetto. Qui si inseriscono le previsioni di vendita, il calcolo del Break Even Point - il momento in cui l’azienda inizia a generare profitto - e si dettagliano i costi e gli investimenti necessari. È cruciale presentare un flusso di cassa proiettato che mostri la capacità dell’azienda di sostenere le operazioni e di crescere nel tempo.

Per le nuove attività

Per le startup o le nuove iniziative, è opportuno evidenziare le fasi di sviluppo già completate e quelle ancora da avviare. Questo aiuta a comunicare il progresso del progetto e le prossime tappe verso la realizzazione dell’idea imprenditoriale.

Per le aziende esistenti

Le aziende che sono già operative dovrebbero utilizzare il business plan per raccontare la loro storia, mostrare i risultati raggiunti e delineare i piani per il futuro. Questo include la presentazione dell’assetto societario e della situazione economica e finanziaria attuale.

Modello di Business Plan

Non esiste un modello unico di business plan valido per tutti, ma alcuni elementi sono imprescindibili:

  • executive summary: sintesi del progetto, storia dell’azienda, mission, obiettivi e struttura organizzativa;
  • descrizione della società e del management: profili dei soci e dei manager, ruoli, esperienze e risultati ottenuti;
  • descrizione dei prodotti e servizi: dettagli sui prodotti/servizi, caratteristiche distintive e vantaggi competitivi;
  • analisi del settore: target di consumatori, vantaggio competitivo e sostenibilità nel tempo;
  • concorrenza e mercato: analisi del mercato, posizionamento e barriere all’entrata;
  • strategie di marketing: canali di distribuzione e strategie promozionali;
  • piano di realizzazione: dettagli operativi per ogni funzione aziendale.

 

Rendere il Business Plan lean

Il concetto di “lean” si riferisce all’eliminazione degli sprechi e all’ottimizzazione dei processi. Un business plan lean è quindi una versione snellita del documento tradizionale, che si concentra sugli elementi essenziali per avviare e gestire un’attività con successo. Si basa su un modello di business agile e flessibile, che può essere facilmente aggiornato in risposta ai feedback del mercato e alle esigenze in evoluzione dell’impresa.

 

Conclusione

Il business plan è uno strumento vitale per ogni imprenditore che desidera navigare con sicurezza nel mare del business. Che si tratti di una startup o di un’azienda consolidata, un business plan ben scritto e “lean” è il primo passo verso il successo.

Ultima modifica
Lun 08 Apr, 2024

Visione d’impresa: il faro che guida al successo

Scopri come sviluppare una visione imprenditoriale efficace per guidare la tua azienda verso il successo duraturo.

Che cos’è la visione d’impresa?

La visione d’impresa è il faro che guida un’organizzazione verso il futuro. Nasce dalla lettura unica e innovativa del mondo da parte dell’imprenditore, dalla volontà di migliorare qualcosa nella società o nel mercato di riferimento. È una proiezione strategica che descrive gli obiettivi di lungo periodo che l’azienda intende raggiungere, riflettendo gli ideali, i valori e le aspirazioni del top management. La visione d’impresa orienta le decisioni strategiche, fornisce ispirazione e direzione a tutto il team e si estende generalmente su un arco temporale di dieci, al massimo quindici anni. Essa rappresenta il punto di arrivo desiderato e funge da motore per l’innovazione e il cambiamento continuo, mantenendo l’azienda focalizzata sui suoi obiettivi fondamentali nel corso del tempo.

Sviluppare una visione imprenditoriale non è solo un’esercitazione di fantasia, ma un processo strategico che può determinare il successo a lungo termine di un’impresa. Una visione chiara fornisce direzione, ispira innovazione e crea un senso di scopo condiviso tra i membri del team. Ecco come e perché sviluppare una visione imprenditoriale efficace.

Definire la visione

La visione imprenditoriale inizia con la definizione di ciò che si vuole realizzare. Questo richiede una comprensione profonda del proprio scopo aziendale e delle motivazioni personali. Rifletti su domande come: “Qual è l’impatto che voglio che la mia azienda abbia?” e “Quali valori sono non negoziabili per me?”

Obiettivi a lungo termine

Gli obiettivi a lungo termine sono le pietre miliari che guideranno la tua impresa verso la realizzazione della visione. Devono essere specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e temporali (SMART). Ad esempio, anziché dire “Voglio crescere l’azienda”, specifica “Voglio raggiungere €1 milione di fatturato entro il 2025”.

Conoscere il pubblico target

Comprendere chi sono i tuoi clienti e cosa vogliono è fondamentale. La tua visione deve risuonare con loro e risolvere i loro problemi. Svolgi ricerche di mercato per identificare le loro esigenze e desideri.

Innovazione

L’innovazione è il motore della crescita e della differenziazione nel mercato. Integra l’innovazione nella tua visione per mantenere la tua azienda al passo con i tempi e anticipare le tendenze future.

Comunicazione efficace

Una visione deve essere comunicata chiaramente a tutte le parti interessate. Crea una dichiarazione di visione che sia concisa e che catturi l’essenza della tua impresa. Utilizza questa dichiarazione per allineare il team e per attirare clienti e investitori.

Adattabilità

Il mondo degli affari è in costante evoluzione. La tua visione dovrebbe permetterti di adattarti ai cambiamenti senza perdere di vista gli obiettivi a lungo termine. Essere flessibili e aperti al cambiamento è cruciale per il successo.

Misurazione e valutazione

Monitora regolarmente i progressi verso la realizzazione della tua visione. Usa metriche e indicatori di performance per valutare l’efficacia delle strategie e apporta modifiche quando necessario.

Celebrazione del successo

Riconoscere e celebrare i traguardi raggiunti è importante per mantenere la motivazione e l’entusiasmo del team. Questo rafforza la cultura aziendale e la dedizione alla visione.

 

Esempi famosi di visione d’impresa

Ecco alcuni esempi di visioni imprenditoriali che hanno ispirato e guidato aziende di successo:

  • Google: "Fornire accesso alle informazioni del mondo in un clic";
  • LinkedIn: "Creare opportunità di business per i lavoratori di tutto il mondo";
  • Apple: "Crediamo di essere sulla faccia della terra per realizzare grandi prodotti";
  • Walt Disney: "Rendere felici le persone".
  • Microsoft: "Un personal computer su ogni scrivania, e ogni computer con un software Microsoft installato".

Queste visioni riflettono l’ambizione e la direzione strategica delle aziende, fungendo da faro per le loro decisioni e innovazioni.

In conclusione, una visione imprenditoriale ben definita è un potente strumento di guida che illumina il percorso verso il successo. Con una visione chiara, obiettivi SMART, una profonda comprensione del pubblico target, un impegno per l’innovazione, una comunicazione efficace, flessibilità, valutazione continua e celebrazione dei successi, puoi costruire un’impresa che non solo sopravvive ma prospera nel tempo.

Ultima modifica
Lun 08 Apr, 2024

RI* Parto dalla Scuola per FARE Impresa- Seminario di primo orientamento

Le principali agevolazioni per l’avvio di nuove imprese.

Nella sezione Approfondimenti è disponibile il materiale didattico/orientativo creato per i seminari sullo SNI che si stanno svolgendo in questo periodo presso gli istituti scolastici del territorio nell'ambito dell'iniziativa "Mettiamoci in proprio" della Camera di Commercio di Caserta, proposta dal Comitato Imprenditoriale Femminile, organizzata dall'Azienda Speciale Asips. 

Ultima modifica
Lun 08 Apr, 2024

RI* Parto dalla Scuola per FARE Impresa- Seminario di primo orientamento

Le principali agevolazioni per l’avvio di nuove imprese.

 

Materiale didattico/orientativo prodotto per i seminari sullo SNI che si stanno svolgendo in questo periodo presso gli istituti scolastici del territorio nell'ambito dell'iniziativa "Mettiamoci in proprio" della Camera di Commercio di Caserta, proposta dal Comitato Imprenditoriale Femminile, organizzata dall'Azienda Speciale Asips.  

Regione

RI* Parto dalla Scuola per FARE Impresa- Seminario di primo orientamento

Orientarsi all’imprenditorialità e al lavoro autonomo

Nella sezione Approfondimenti è disponibile il materiale didattico/orientativo creato per i seminari sullo SNI che si stanno svolgendo in questo periodo presso gli istituti scolastici del territorio nell'ambito dell'iniziativa "Mettiamoci in proprio" della Camera di Commercio di Caserta, proposta dal Comitato Imprenditoriale Femminile, organizzata dall'Azienda Speciale Asips.  

Ultima modifica
Lun 08 Apr, 2024

RI* Parto dalla Scuola per FARE Impresa- Seminario di primo orientamento

Orientarsi all’imprenditorialità e al lavoro autonomo.

Materiale didattico/orientativo realizzato per i seminari sullo SNI che si stanno svolgendo in questo periodo presso gli istituti scolastici del territorio, nell'ambito dell'iniziativa "Mettiamoci in proprio" della Camera di Commercio di Caserta, proposta dal Comitato Imprenditoriale Femminile, organizzata dall'Azienda Speciale Asips.  

 

Regione

"DALL'IDEA AL BUSINESS" WEBINAR GRATUITO

19 aprile 2024, dalle ore 14.30 alle ore 16.30

L'incontro è finalizzato a far riflettere gli aspiranti imprenditori su come trasformare la propria idea di impresa nell'organizzazione di un piano di business e su come riuscire a "raccontare" tutti gli elementi che la caratterizzano.

Il programma tratterà i seguenti punti:

  • I 10 motivi principali di fallimento delle imprese
  • Il concetto di Proposta di valore
  • Il Business Model Canvas
  • Esercizio di compilazione di un caso guidato
  • Le 9 sezioni del Canvas
  • Unire le sezioni per raccontare il Business
  • Gli elementi di un buon Pitch di presentazione

L'incontro sarà guidato da Luigi Pittalis - Consulente e Formatore nelle Aree dello Sviluppo Business e Organizzazione delle Risorse Umane.

Dopo l’incontro gli interessati possono prenotare un colloquio di primo orientamento attraverso la piattaforma SNI per un confronto diretto e personalizzato per approfondire dubbi e necessità.

 Accedi e iscriviti>>>

https://sni.unioncamere.it/eventi/webinar-di-primo-orientamento-dallidea-al-business

I posti disponibili sono 50 e le iscrizioni aperte fino al 18 aprile 2024

Ultima modifica
Lun 08 Apr, 2024